Statuto

Statuto Fusibilia Associazione Culturale

 

Art. 1 – DENOMINAZIONE, NATURA E DURATA
È costituita l’Associazione culturale denominata “Fusibilia”. È una libera associazione, senza scopo di lucro, senza finalità politiche, regolata dal presente Statuto, con durata illimitata nel tempo.
I soci fondatori sono: Donatella Amati, Ugo Magnanti, Roberto Sannino.

Art. 2 – SEDE
L’Associazione ha sede legale a Vetralla (prov. di Viterbo) in via Sant’Angelo n. 63.

Art. 3 – SCOPI
L’Associazione ha il fine di promuovere in modo prevalente la letteratura e l’editoria in ogni sua forma, nonché ogni altra espressione culturale rappresentativa della creatività umana. L’Associazione diffonderà la cultura in tutti i suoi aspetti, con tutti i mezzi possibili, in ogni ambito sociale e culturale, promuovendo interscambi artistici e sociali che tengano in particolare considerazione la formazione etica, umana, culturale e civile. Quindi compito dell’Associazione sarà predisporre tutte le iniziative che le consentano di raggiungere i suoi scopi, quali conferenze, laboratori, spettacoli, rassegne, proiezioni, servizi di mediazione letteraria ed editing, pubblicazioni di libri e riviste, rassegne teatrali, convegni, seminari, aggiornamenti, premi letterari, festival, letture, gare, fiere, corsi di formazione e ogni altra manifestazione inerente, coinvolgendo eventualmente le istituzioni anche a livello europeo, gli istituti penitenziari, gli ospedali, le scuole, insegnanti, ecc, sollecitando, ove possibile, collaborazioni e gemellaggi in vista di possibile azioni congiunte con associazioni affini italiane e straniere. L’Associazione può contemplare anche forme di adesione ad organismi locali, nazionali e sovranazionali.

Art. 4 – SOCI
Possono far parte dell’Associazione tutti coloro che, persone fisiche o giuridiche, enti o altre associazioni, ne condividono lo spirito e gli ideali e siano interessati alla realizzazioni delle sue finalità istituzionali.
Sono previste le seguenti categorie di soci:
-soci fondatori, ovvero coloro che hanno fondato l’Associazione, partecipando alla stipula dell’atto costitutivo e provvedendo alla costituzione del primo fondo comune;
-soci ordinari, ovvero coloro che aderiscono all’Associazione condividendone gli scopi e le iniziative e che si impegnano a pagare, per tutta la permanenza del vincolo associativo, la quota annuale;
-soci sostenitori, ovvero coloro che si impegnano nella promozione delle attività dell’Associazione e la sostengono finanziariamente, provvedendo a favorirne l’attività con liberi versamenti;
-soci onorari, ovvero personalità del mondo culturale, scientifico, politico, economico e finanziario che abbiano contribuito in maniera determinante, con la loro opera o con il loro sostegno ideale o economico, alla realizzazione delle attività dell’Associazione.
L’ammissione dei soci ordinari e sostenitori è deliberata su domanda scritta del richiedente al Consiglio Direttivo. La qualifica di socio onorario e di presidente onorario può essere conferita dal Consiglio Direttivo.

Art. 5 – CONTRIBUTI E QUOTE
I soci ordinari sono tenuti al pagamento delle quote annuali determinate dal Consiglio Direttivo; essi sono tenuti al pagamento della quota relativa a tutto l’anno in corso al momento del loro ingresso. I soci sostenitori contribuiscono con versamenti volontari. I soci onorari sono esonerati dal versamento di quote annuali. L’Associazione può stipulare accordi, convenzioni, contratti e appalti con enti statali e territoriali, enti privati e/o altri gruppi e associazioni, pubbliche e/o private. L’Associazione potrà chiedere e ottenere contributi e finanziamenti dagli enti a ciò preposti, nonché sponsorizzazioni, sovvenzioni e donazioni da privati in genere, sempre nella piena conformità ai fini perseguiti.

Art. 6 – DIRITTI E DOVERI DEI SOCI
Tutti i soci hanno diritto di partecipare alle Assemblee, di votare per l’approvazione e le modificazioni dello statuto, nonché per la nomina degli Organi direttivi dell’associazione. sono tenuti a osservare le norme del presente statuto, nonché le deliberazioni dell’Assemblea e del Consiglio Direttivo. Essi sono tenuti, altresì, a versare la quota annuale attualmente stabilita dal Consiglio Direttivo in euro 10,00, entro e non oltre il 31 gennaio di ciascun anno.

ART. 7 – ESPULSIONE, ESCLUSIONE E RECESSO
L’espulsione di un socio può aver luogo in caso di:
– gravi inadempienze agli obblighi derivanti dal presente statuto e a quelli associativi in genere;
L’espulsione è deliberata dal Consiglio Direttivo, a maggioranza dei presenti.. Ciascun socio può recedere in qualsiasi momento dalla Associazione, inviando motivata comunicazione scritta al Consiglio Direttivo. Il socio uscente non ha diritto al rimborso dei contributi e delle quote annuali versate.

Art. 9 – ESERCIZI SOCIALI
L’esercizio finanziario ha inizio il giorno 1 gennaio e termina il 31 dicembre di ogni anno. I bilanci vengono predisposti dal Consiglio Direttivo e approvati dall’Assemblea dei soci entro il 31 gennaio di ogni anno.

Art. 10 – ORGANI DELL’ASSOCIAZIONE
Sono organi dell’Associazione:
a) L’Assemblea dei soci; b) Consiglio Direttivo; c) Presidente; d) Vicepresidente; e) Segretario.
Nessuna carica è retribuita. Il Consiglio Direttivo può deliberare indennità e rimborsi spese, anche forfettari, in favore del Presidente e degli altri componenti il Consiglio; può deliberare, altresì, il rimborso delle spese sostenute dai soci incaricati di svolgere attività in nome e per conto dell’Associazione.

Art. 11 – ASSEMBLEA
L’Assemblea è composta da tutti i soci, ognuno dei quali ha diritto a un voto. L’Assemblea ordinaria è convocata dal Presidente almeno una volta all’anno o quando vi sia richiesta del Consiglio Direttivo. L’Assemblea straordinaria delibera sulle modificazioni dello statuto, sullo scioglimento e la liquidazione dell’Associazione.
L’assemblea ordinaria:
a) approva il bilancio preventivo e quello consuntivo;
b) elegge i componenti del Consiglio Direttivo;
c) revoca il Consiglio Direttivo con la maggioranza di due terzi dei soci;
d) approva l’eventuale regolamento interno;
e) delibera su ogni altro argomento posto all’ordine del giorno.
I verbali delle deliberazioni vengono trascritti su apposito libro e firmati dal Presidente e dal Segretario della riunione.

Art. 12 – CONSIGLIO DIRETTIVO
L’Associazione è amministrata da un Consiglio Direttivo composto da un minimo di tre a un massimo di 5 membri eletti dall’Assemblea tra i soci per la durata di due anni; essi sono rieleggibili.
Il Consiglio Direttivo si riunisce, a seguito di convocazione del Presidente. Il Consiglio Direttivo è investito dei più ampi poteri per l’amministrazione ordinaria e straordinaria della Associazione. In particolare:
– predispone annualmente il bilancio preventivo e consuntivo da sottoporre all’Assemblea;
– individua le attività associative da realizzare e adotta le conseguenti deliberazioni;
– predispone le relazioni sull’attività svolta da presentare all’Assemblea;
– propone all’approvazione dell’Assemblea le modifiche dello statuto;
– delibera sull’ammissione dei soci ordinari e sostenitori;
– propone all’Assemblea la nomina dei soci onorari;
– delibera sull’espulsione dei soci e sulla riammissione dei soci esclusi, quando richiesta;
– determina di anno in anno le quote associative che devono essere versate dai soci ordinari e dai soci sostenitori;
– delibera sulle indennità e i rimborsi spese;
– può fare richiesta di convocazione dell’Assemblea dei soci;
– adotta tutte le altre deliberazioni relative alla gestione non riservate all’Assemblea.

ART. 13 – PRESIDENTE E VICEPRESIDENTE
Presidente e Vicepresidente sono eletti dal Consiglio Direttivo; essi durano in carica per un biennio e possono essere rieletti. Il Presidente ha la legale rappresentanza dell’Associazione nei confronti dei terzi. Egli presiede e convoca l’Assemblea e il Consiglio Direttivo e cura l’esecuzione delle deliberazioni adottate dai predetti organi. Il Vicepresidente avrà facoltà di sostituire il Presidente in caso di suo impedimento. La firma del Vicepresidente fa fede dell’impedimento del Presidente.

ART. 14 – IL SEGRETARIO
Il Segretario è nominato dal Consiglio Direttivo:
– redige i verbali delle riunioni dell’Assemblea e del Consiglio Direttivo e cura la loro trascrizione sui relativi libri;
– vigila sulla condotta dei soci e sul pagamento delle quote annuali;
– cura il registro dei soci e provvede al suo aggiornamento;
– esegue i pagamenti disposti dal Presidente e dagli organi deliberanti;
– riscuote le entrate dell’Associazione, comprese le quote annuali;
– se delegato dal Presidente, provvede all’operatività ordinaria sui conti correnti bancari e postali dell’Associazione;
– cura le registrazioni contabili e la tenuta delle relative scritture.
La carica di Segretario scade con quella del Consiglio Direttivo dal quale è stato nominato. E’ rieleggibile.

Art. 15 – SCIOGLIMENTO
Lo scioglimento dell’Associazione è deliberato dall’Assemblea straordinaria.

Art. 16 – DISPOSIZIONI FINALI
Per tutto quanto non contemplato nel presente statuto si fa rinvio a quanto sancito dalle norme del C.C.