Cammino orgogliosa per la mia strada – Wallada (sec. XI)

Lug 25, 2015 by

Cover Wallada DOPPIA_5_7_solo primaCammino orgogliosa per la mia strada

Autrice: Wallada Bint Al-Mustafki (sec. XI)
Curatore e traduttore: Claudio Marrucci
con un saggio di Antonio Veneziani
Editore: FusibiliaLibri
Collana: Torce (Commentari di poesia)
Anno 2015
pp. 120
formato 15×15
13,00 euro
ISBN 9788898649204

 

 

ordini su fusibilia@gmail.com

È questa la prima e unica pubblicazione in lingua italiana della poesia di Wallada Bint Al-Mustafki vissuta durante l’XI secolo nei territori arabo-spagnoli e definita la “Saffo andalusa”. Non avendo fratelli maschi, Wallada ereditò i beni del padre e li utilizzò per aprire un cenacolo letterario nel quale accolse donne di tutte le classi sociali per insegnare loro la poesia. La sua fama di poeta la portò ad essere molto considerata da alcuni dei grandi poeti e intellettuali del tempo. Wallada girava senza velo vestendosi addirittura da uomo: libera, trasgressiva, indomita, non si sposò per non dover sottostare al controllo maschile e morì sulla soglia dei cento anni. Autrice scoperta di recente in Spagna, pressoché sconosciuta in Italia, proposta ora ai lettori italiani da FusibiliaLibri, editore particolarmente attento alle tematiche di genere, che con grande orgoglio (mutuando il titolo della raccolta), scommette sulla voce di questa poeta femminista ante-litteram. Cammino orgogliosa per la mia strada comprende i lavori di Wallada e delle sue allieve. Il volumetto è arricchito delle note storico-poetiche del curatore-traduttore Claudio Marrucci, che si è speso per il recupero delle pubblicazioni in spagnolo, e di Antonio Veneziani, uno dei nomi più influenti della poesia contemporanea.
L’editore

dall’introduzione di Claudio Marrucci

Alcuni autori definiscono Wallada ‘una donna virtuosa e di solidi principi morali’. Altri invece la dichiarano donna che conduce una vita indegna e amorale. E l’accusano anche di non rispettare la riservatezza del suo rango.
Wallada abbandona la vita nel 1091, quando sta per compiere cento anni.
Personaggio mitico, capace di rivendicare la sua dignità di donna e di scrittrice, definita la ‘Saffo andalusa’, è giunta a noi con una manciata di versi, ma assai pregnanti e pungenti.

dal saggio di Antonio Veneziani

La poesia è una religione che non dà speranze, sarà anche per questo che quando, prima ho incrociato e poi incontrato, l’altera, ironica, languida, svagata, ribelle, Wallada Bint Al-Mustakfi ho intuito che avrebbe potuto essere una compagna di viaggio in questa metropoli romana, che come Al Zahara è in via di totale disfacimento.
Due città sfigurate e slabbrate dove la poesia si annida persino negli interstizi e nelle mura crepate.

________________________

La poeta femminista ante-litteram ”viene ora proposta ai lettori italiani”, Il Faro online, 21.09.2015
____________________________
Le poesie di Wallada, la “Saffo andalusa” per la prima volta in italiano di Alessia Pizzi
________________________
Le eterne notti d’amore e di poesia di Wallada Bint Al-Mustafki di Isabella Moroni
________________________
Wallada di Antonella Rizzo – Diwali Rivista Contaminata
________________________
Le passioni e i desideri della “Saffo andalusa” di Cristina Micalusi

0 Comments

Trackbacks/Pingbacks

  1. Le eterne notti d’amore e di poesia di Wallada Bint Al-Mustafki | art a part of cult(ure) - […] cento anni, ma le sue poesie sono andate disperse tranne le poche che sono state raccolte nel libro Cammino…

Leave a Comment

You must be logged in to post a comment.